Le emorroidi (dal greco haîma , “sangue” e rhéó, “scorrere”) sono strutture vascolari del canale anale che giocano un importante ruolo nel mantenimento della continenza fecale. Diventano patologiche quando sono gonfie o infiammate, causando una sindrome nota come malattia emorroidaria, alla quale spesso ci si riferisce, nel linguaggio popolare e anche nella divulgazione, sempre con il medesimo termine di emorroidi.

Le cause Principali delle Emorroidi

Le emorroidi, sia interne che esterne, sono causate da una vasta gamma di fattori. Questi possono variare da persona a persona, e spesso, si differenziano per intensità e gravità. Fra le cause più comuni possiamo ritrovare:

l  Predisposizione genetica, nel nucleo genetico;

l  Errata alimentazione;

l  Posizione di lavoro o sportiva ( da lavori sedentari a postazioni d’ufficio, a sport come la moto, il ciclismo e l’equitazione);

l  Proctite, conseguente alla radioterapia per tumore alla psostata;

l  Farmaci ( molti farmaci, fra cui i contraccettivi, indicano le emorroidi come possibile effetto indesiderato di media entità);

l  Trombosi pelvica;

l  Epatopatia cronica;

l  Stitichezza e sforzi duri e prolungati;

l  Anche l’età può influire sulla prima comparsa delle emorroidi, con i sintomi correlati al caso.

Per capire meglio cosa sono le emorroidi, ti consiglio di cliccare sul seguente Link all’articolo specifico: http://stopemorroidi.net/cosa-sono-le-emorroidi/

Le cure più famose:

Le cure per le emorroidi sono molte, e si dividono in due categorie fondamentali, separate nettamente fra di loro. Esistono infatti le cure senza operazione chirurgica, e quelle con operazione chirurgica.

I vantaggi e gli svantaggi per ogni metodo, sono diversi. Bisognerà attuare un’attenta analisi dei casi per valutare quale sia il metodo migliore da applicare.

Ti consiglio due link, per capire e comprendere come curare le emorroidi senza ricevere operazioni chirurgiche:

– Rimedi naturali: http://stopemorroidi.net/6-rimedi-naturali-per-combattere-le-emorroidi/

– Rimedi omeopatici: http://stopemorroidi.net/5-rimedi-omeopatici-per-emorroidi/

Le cure senza operazione, sono molto apprezzate dalla maggioranza dei pazienti affetti da emorroidi. Questi infatti, garantiscono la tranquillità e la chiarezza della terapia, senza dover ricorrere a tempi di degenza o prezzi troppo alti. Sia che si scelgano i rimedi omeopatici, sia quelli naturali facilmente reperibili in casa, negli articoli troverai i migliori metodi per attuarli al massimo delle loro capacità.

ELP, la nuova cura radicale ed indolore

Oggi parliamo di un’intervento chirurgico molto avanzato, poiché permette di unire i vantaggi della chirurgia ai vantaggi di metodi meno invasivi e di lunga convalescenza. Questo intervento infatti, viene eseguito con un ricovero di poche ore, e grazie alle nuove tecniche, già subito dopo l’operazione il dolore sarà minimo o assente, consentendo di riprendere subito tutte le funzioni principali. Anche la defecazione, verrà ripresa celermente e anch’essa senza dolore.

Vantaggi dell’intervento ELP

ELP, è la sigla che indica in Inglese: Endo-Luminal Plapsectomy. I suoi vantaggi principali sono:

l  Radicale: infatti dopo l’intervento, non sarà necessario ricorrere ad altri metodi o sistemi di prevenzione e scomparsa definitiva delle emorroidi. Questa operazione garantirà al massimo della percentuale, la scomparsa perenne delle Emorroidi dal sistema;

l  Indolore: dato che verrà eseguito sotto anestesia, e anche alla fine del processo il dolore sarà minimo se non assente;

l  Garantita correzione estetica: infatti, il nuovo metodo, oltre a garantire la guarigione definitiva del prolasso, garantirà la correzione estetica personalizzata dal danno che il prolasso stesso ha creato. Con la conseguente risalita del perineo e il recupero della normale V rovesciata.

Svantaggi della tecnica ELP

Dato che parliamo comunque di un’operazione chirurgica, questa comporterà degli svantaggi, seppur lievi, da non sottovalutare. Gli svantaggi non sono fattore di una cattiva riuscita dell’intervento, ma possono succedere ai pazienti che si sono avvicinati all’operazione in uno stato già avanzato di prolasso anale.

l  Disagio o senso di peso locale: una sensazione comune, ma che dura in tutti i pazienti poche ore se non pochi minuti dopo la fine dell’operazione;

l  Attività da moderare: almeno nelle prime settimane dopo l’operazione, per consentire una guarigione completa e stabile. Questo parametro però varia da paziente a paziente, ma non supera mai le prime due settimane di riposo contenuto;

l  Dieta in bianco senza scorie: come qualsiasi altro rimedio per le emorroidi, è consigliata e necessaria una dieta in bianco e senza scorie presenti per almeno 15-20 giorni dopo l’operazione correttamente riuscita;

l  Sensazione di falso stimolo defecatorio: comune senso di falsa-defecazione, che si risolve però nei primi giorni dopo l’uscita dalla breve degenza.

Le controindicazioni a questa terapia sopra elencate, sono le più comuni. Ogni altro effetto indesiderato, più grave o di lieve entità, va considerato caso per caso, in i paziente infatti, possono sorgere complicazioni diverse o non addirittura potrebbe non presentarsi nessuno dei lievi problemi descritti e citati negli svantaggi.

Intervento e innovazione

La tecnica ELP, si caratterizza per l’innovazione e le dinamiche sicure e affidabili. È diversa da altre operazioni, poichè riduce al minimo i tempi di degenza e i rischi in cui si può incorrere. Sviluppata, per ogni tipo di paziente, viene incontro alle esigenze dei casi più gravi e dei casi iniziali. Ricordiamo come sia importante prendere in tempo la patologia Emorroidea, così da non farla confluire nel comune prolasso anale, più spiacevole e lungo da curare.

L’operazione è inoltre consigliata dal Porf. Silvestro Lucchese, che da 40 anni opera nel campo e analizza le cure migliori e innovative.

Intervento alle Emorroidi: consigli Pre-Operazione

Ci sono dei consigli, da utilizzare prima dell’operazione ELP. Questi, se attuati correttamente, consentiranno una maggiore riuscita dell’intervento e diminuiranno ancora il tempo di degenza già breve:

l  Informare il chirurgo che eseguirà l’operazione, delle terapie o malattie in atto in concomitanza alle Emorroidi: il paziente gioca un ruolo fondamentale, grazie alla sua trasparenza infatti, il medico potrà sospendere o sostituire l’assunzione dei farmaci che utilizza i giorni subito precedenti all’operazione;

l  Eseguire una colonscopia: per verificare la possibile presenza di poliposi al colon, da eseguire se non sottoposti nei cinque anni precedenti all’operazione. Questo consente anche, una maggiore e migliore, valutazione da parte del chirurgo;

l  La dieta in bianco: non dovrà infatti essere eseguita soltanto dopo l’operazione, anche diversi giorni prima da questa, sarà utile a migliorare le condizioni e consentire un intervento più efficace e meno complesso.

Consigli Post-Operazione

Dopo la dimissione dalla degeneza, che avviene circa la mattina dopo l’intervento a seguito dell’analisi clinica, bisognerà ricordarsi di mantenere il contatto con il medico. Questo per qualsiasi dubbio o sintomo, al di fuori di quelli elencati come normali o frequenti e lievi, inoltre è consigliato:

l  Evitare sforzi fisici: sportivi, lavorativi o di defecazione. Tutto questo per non sforzare la parte interessata durante l’intervento e per non scatenare infiammazioni o effetti indesiderati post-operazione;

l  Seguire un regime dietetico rigoroso: senza dimenticare la dieta in bianco, iniziata prima dell’operazione e mantenerlo per almeno 10-15 giorni di seguito;

l  Non lasciarsi abbindolare dalla ripresa della defecazione normale: che avviene nei primi due/ tre giorni, dopo l’operazione. Mantenere così il regime di riposo e dieta costantemente, fino alla fine del periodo post-operazione.

 

Emorroidi: Eliminarle definitivamente con la tecnica ELP

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close